Copy
Se non visualizzi correttamente questo newsletter, clicca qui.
Zurigo, 10 maggio 2021
Comunicato stampa

Sondaggio presso le PMI: a causa del coronavirus cresce il bisogno di formazione continua

All'inizio dell'anno, la Federazione svizzera per la formazione continua FSEA ha indagato sull'impatto della crisi di coronavirus sulla formazione continua nelle PMI. Secondo lo studio pubblicato dalla FSEA il 10 maggio 2021, una gran parte delle aziende attribuisce molta importanza alla formazione continua per contrastare gli effetti della pandemia. Tuttavia, tante PMI stanno risparmiando sulla formazione continua. Il sondaggio è stato condotto in collaborazione con l’Unione svizzera delle arti e mestieri, digitalswitzerland e KMU Next.

Il sondaggio svolto online dalla FSEA presso 123 PMI tra dicembre 2020 e gennaio 2021, conferma l'alta importanza della formazione continua tra le piccole e medie imprese. Due terzi delle PMI partecipanti considerano importante la formazione continua per affrontare le conseguenze della pandemia di COVID-19.

Le competenze richieste e il crescente bisogno di formazione continua
Per la gran parte delle PMI intervistate, in generale la situazione conseguente al coronavirus pone elevate esigenze in merito alle competenze richieste ai dipendenti. Un terzo afferma che la forza lavoro richiede competenze nuove o diverse. Per circa il 60% delle aziende, la pandemia sta avendo un impatto sulle competenze per il lavoro agile così come sulle competenze sociali e di comunicazione. Il 43% identifica anche un bisogno forte o molto forte di competenze digitali.

Per il 33% delle PMI il bisogno di formazione continua è aumentato in tempi di coronavirus. Lo studio definisce il bisogno di formazione continua di un'azienda come la necessità dei dipendenti di acquisire nuove competenze o espandere le conoscenze esistenti al fine di soddisfare i requisiti dell'azienda.

Bisogno maggiore solo in parte coperto
Tuttavia, il crescente bisogno di formazione continua non viene soddisfatto da tutte le PMI. Lo studio mostra che quasi un terzo delle PMI che ha un alto bisogno di formazione continua non ha modificato le proprie attività in questo ambito o le ha addirittura ridotte. 

Inoltre, c'è anche un certo grado di cautela nel finanziamento della formazione continua. In particolare, risparmiano sulle spese per i corsi esterni di formazione continua. Questo è probabilmente dovuto al fatto che molte PMI a causa della crisi hanno bisogno di finanziamenti o infrastrutture IT. La riluttanza potrebbe anche essere legata al fatto che la metà delle aziende intervistate ha dichiarato di non conoscere le competenze del futuro.

Partner
Unione svizzera delle arti e dei mestieri, KMU Next, digitalswitzerland

Contatto per domande:
Sofie Gollob, responsabile dei progetti
044 319 71 74, sofie.gollob@alice.ch

 
Studio "Impatto della pandemia di coronavirus sulla formazione continua nelle piccole e medie imprese (PMI)"
I risultati dello studio "Impatto della pandemia di coronavirus sulla formazione continua nelle piccole e medie imprese (PMI)", pubblicato il 10 maggio 2021 su www.alice.ch, si basano su un sondaggio online svolto presso 123 PMI di tutte e tre le regioni linguistiche in Svizzera nel periodo tra dicembre 2020 e gennaio 2021.
> Allo studio (in francese) (PDF)
Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list